IEO: come gli exchange hanno cambiato le ICO

IEO di bitTorrent, dove tutto ha avuto inizio

Le IEO, Initial Exchange Offering, sono emerse come un fenomeno recente. Sono simili alle ICO, tranne per il fatto che il lancio dei token è condotto attraverso gli stessi exchnage. Questi svolgono alcune delle funzioni chiave di sottoscrizione: marketing, raccolta di fondi e distribuzione. Al termine, il token del progetto sarà listato sull’exchange e disponibile per il trading.

In cambio dell’esecuzione di questi servizi, l’exchange riceve una commissione generalmente denominata nel token indicato. Binance ha aperto la strada al modello IEO con la vendita dei token di BitTorrent all’inizio del 2019. Successivamente, numerosi exchange hanno seguito con l’offerta dei propri token nativi, tra cui Bittrex, Huobi, Kucoin, OKEX e molti altri.

La caratteristica più notevole delle IEO è il loro impatto sulla meccanica dei token nativi degli exchange stessi. Il meccanismo della lotteria aumenta la domanda e riduce il turnover del token, potenzialmente con un effetto simile a quello che le Initial Coin Offering (ICO) hanno avuto sul prezzo di ETH nel 2017. Le singole offerte diventano così strumentali al più ampio effetto previsto di generare clamore e apprezzamento del token dell’exchange.

Come funzionano le IEO di Binance

Un semplice modo di visualizzare tale meccanismo è proprio pensare che gli exchange, come Binance, stanno tentando di creare una lotteria. Questa avrà il massimo valore atteso possibile e un’offerta limitata di biglietti della lotteria, ovvero di token nativi. Nel caso di Binance, i possessori di Binance Coin (BNB) entrano in un sistema di lotteria per investire nei progetti IEO del Launchpad dell’exchange stesso. Gli utenti con meno di 100 BNB non si qualificano. Il valore atteso della lotteria così creata viene influenzato positivamente da un track record di piccoli ricavi di successo, generati dalle singole offerte di token avvenute sulla piattaforma di Binance. Per questo motivo le IEO si configurano come vendite di token altamente strutturate e supportate dall’exchange. Un valore atteso più elevato per la lotteria determinerà un apprezzamento del prezzo del biglietto della lotteria, nonché del BNB.

La tokenomics è ancora importante?

Le IEO sono un nuovo entusiasmante meccanismo di raccolta di fondi e hanno attirato molta attenzione. Per il momento rimarranno probabilmente concentrate su progetti di nicchia. Inoltre, il punto principale del modello IEO non sono i meriti del singolo progetto, ma i meccanismi sopracitati di ingegnerizzazione finanziaria che vengono abilitati dai token nativi degli exchange.

Di nuovo, vediamo come i token di tipo utility continuano a sopravvivere attraverso le IEO. Tuttavia, solo se ben progettati, tali token attireranno le piattaforme e gli investitori giusti, mantenendosi sul mercato per numerosi anni a venire. Un modello di token ben pianificato deve offrire utilità al di là del solo utilizzo del token per accedere a un prodotto o piattaforma. Deve essere incluso un meccanismo per aumentare la domanda relativa del token rispetto alla sua offerta (e.g., un meccanismo automatico di burn) e dovrebbe fornire agli investitori un incentivo finanziario per detenere il token in portafoglio (e.g., i payout tipici del sistema Proof-of-Stake).

È chiaro come non sia facile sviluppare soluzioni che soddisfino queste sfide. Le sfide, però, sono necessarie per selezionare solo i progetti migliori e rassicurare il pubblico degli investitori. La token economics è ormai troppo importante per essere trascurata. E’ diventata la chiave per dimostrare il potenziale successo del token e dunque un requisito per accedere alla raccolta dei fondi, ormai velocissima grazie alle IEO.

A Blockchain for Business affronteremo anche il tema della tokenomics, ovvero l’insieme dei principi a cui attenersi per progettare bene un token. Impararli ti aiuterà anche a valutare meglio i progetti prima di investire.

Torna su